FAMEEEEEEEEE!

Foto di <a href=”https://pixabay.com/it/users/reidy68-208937/?utm_source=link-attribution&amp;utm_medium=referral&amp;utm_campaign=image&amp;utm_content=1495368″>Richard Reid</a> da <a href=”https://pixabay.com/it/?utm_source=link-attribution&amp;utm_medium=referral&amp;utm_campaign=image&amp;utm_content=1495368″>Pixabay</a>

Ci sono momenti in cui ti mangeresti il mondo…questo non deve capitare perché ci manda in fumo tutti i nostri traguardi. Pero’ succede, spesso e volentieri. E allora che fare?

Innanzi tutto capire se si ha realmente fame o se il nostro cervello e’ annoiato e ci manda segnali di fumo per distoglierlo dalla noia (chiamasi fame nervosa)

Nel primo caso viene attivato un ormone che si chiama grelina, che fa fare grr allo stomaco e ci invia il segnale di fame; e’ indispensabile evitare questo processo perchè la grelina non ci fa perdere grasso. Quindi nel momento in cui sentiremo fame mangeremo qualcosa che non alzi i livelli di insulina (ad esempio un frutto), ma il giorno dopo ci ricorderemo di aumentare ai pasti principali la quantita’ di proteina e fibra per mantenere più a lungo il senso di sazietà.

Nel secondo caso,  occorre cercare un’attività che provochi piacere al nostro cervello e di tenerlo occupato come si fa con i bambini che cominciano a urlare nel bel mezzo di uno studio medico o in un museo.

Qua sotto vi scrivo i miei metodi che uso per tenere occupato il mio cervello, voi scrivetemi quali sono i vostri!

Leggere riviste che parlino di benessere o ricette sane;
fare una passeggiata preferibilmente in un luogo con alberi e prati;
ascoltare buona musica;                                                                                                                                                              accendere un incenso e meditare.

 

Ecco il mio momento critico

  • Eccomi qua a svelarvi il mio momento critico 😉 Dopo averci pensato un po’, sono giunta alla conclusione che la mia difficoltà attuale piu grande è RESISTERE ALLA TENTAZIONE DEL CIBO CONTENENTE ABBONDANTI QUANTITÀ DI ZUCCHERO.

Non a caso ho scritto: difficoltà attuale, perché questo tipo di criticità variano durante la nostra vita. In effetti questa difficoltà la sto riscontrando da un annetto ed effettivamente è il momento di correre ai ripari.

Analizziamola bene: cosa ci conduce a non resistere alla voglia di mangiarci a metà mattinata una brioche, pur sapendo che questo gesto ci farà metter su grasso?

Cosa ci porta ad assaggiare (per poi  divorarle tutte) le patatine fritte che avevate cucinato per la cena dei vostri figli e avevate giurato di non assaggiarne neanche una?

I motivi possono essere differenti e possono coesistere tutti insieme.

Primo fra tutti: mancanza nell’alimentazione quotidiana di frutta e verdura. Eh gia….perche’ noi abbiamo bisogno Delle sostanze essenziali che esistono in questo tipo di alimenti e se mancano, il nostro organismo si difende facendoci venire una voglia pazzesca di zucchero (inteso come carboidrati semplici o composti che siano).

Secondo motivo: colazione non adeguata a mantenere per tutta la giornata la calma insulinica. Una colazione basata su soli zuccheri, o peggio, saltare completamente la colazione, porta a sbalzi di insulina (l’ormone che regola i livelli degli zuccheri nel sangue) e questo ci conduce ad avere fame e di nuovo voglia di zuccheri anche subito dopo un’ora aver mangiato.

Quindi gia solo introdurre ad ogni pasto una giusta quantità di frutta e verdura cruda, e gustare una buona colazione, ci porta a risolvere questa criticità.

A presto!!!!

Lasciatemi i vostri commenti, interagiamo 😬

Grazieeeee

Individua il tuo momento critico

Sono a dieta e ora che faccio? Quando ci si mette a dieta ci assale una sensazione di panico, come se da quel giorno tutto dovesse essere diverso; da un lato primeggia una sensazione di euforia, quasi come se avendolo solo  pensato siamo già cambiati , dall’altro subentra la paura di non farcela, di non essere in grado a portare a termine il nostro obiettivo.

La prima cosa da fare è capire il nostro “momento” critico  …ovvero la situazione in cui ci troviamo più in  difficoltà…non facciamo colazione?
Mangiamo fuori pasto?
Mangiamo poca frutta e verdura?
Non facciamo attività fisica??

Individuato il nostro punto critico Principale…lavoriamoci su… è inutile cominciare a mangiare poco ai pasti se poi a merenda ci viene sempre voglia di un cappuccino e brioche!
Nei prossimi post cercheremo di capire come lavorare su ogni momento critico 😉☺ inizieremo con la mia situazione critica😆
Nel frattempo scrivetemi qual è il vostro il vostro di momento critico…